Petto di pollo: calorie e valori nutrizionali

Filetto di petto di pollo

Il consumo di petto di pollo è spesso consigliato a chi segue un regime dietetico perché non contiene carboidrati ed è una buona fonte di proteine magre. Anche chi fa sport generalmente sceglie cibi ricchi di proteine perché sono utili a mantenere un metabolismo sano e una buona massa muscolare. Il petto di pollo è un alimento ideale da inserire nella propria routine alimentare perché contiene pochi grassi, si presta a svariate preparazioni e anche il contenuto di sodio è molto basso.

Le calorie del petto di pollo

I valori nutrizionali del petto di pollo sono ottimi ma calcolare con precisione le calorie non è esattamente facile perché ci sono fattori che variano molto il dato come ad esempio il metodo di cottura, la provenienza e il tipo di allevamento.

Anche le sue dimensioni influiscono sul conteggio dell’apporto calorico: in genere una porzione di pollo è di circa 85 – 100 gr e le sue calorie sono circa 165, 31 le proteine, 74 mg il sodio, 356 mg il potassio, 3,1 gr i grassi. Un alimento sano e ricco di principi nutritivi che però possono variare a seconda del metodo di cottura che si sceglie.

Petto di pollo alla griglia o alla piastra, senza la pelle, altra fonte di grassi, è molto poco calorico rispetto ad una cottura arrosto o al forno in cui la pelle rilascia grassi in quantità maggiore. Se scegliamo di fare il pollo fritto le calorie salgono ancora: un petto di pollo fritto medio contiene 364 calorie e 18 gr di grassi. Se poi come spesso succede accompagniamo la carne con salse, aromi e intingoli vari questi valori tenderanno a salire ulteriormente.

Petti di pollo e benefici per la salute

Come già accennato il petto di pollo è una preziosa fonte di proteine ​​e contiene pochi grassi ma altri sono i benefici che il consumo di questa carne bianca apporta al nostro organismo perché è ricca di vitamina B6, selenio, niacina e fosforo. In base al tipo di cottura riesce a darci anche un basso apporto di sodio. Il pollo è ricco di un amminoacido chiamato triptofano: se ti senti depresso, mangiando un po’ di pollo aumenterai i livelli di serotonina nel cervello, migliorando l’umore, eliminando lo stress e riposerai meglio. Come detto è anche ricco di fosforo, un sale minerale fondamentale che supporta denti e ossa, ma anche il fegato e i reni e migliora il funzionamento del sistema nervoso centrale. Il pollo è anche un’abbondante fonte di selenio, un sale minerale essenziale che serve per il funzionamento del metabolismo, della tiroide, degli ormoni e del sistema immunitario. Infine consumare pollo apporta grandi quantità di retinolo, licopene, alfa-carotene, e beta-carotene, tutte forme derivate della vitamina A fondamentali per la salute della vista.

Come cucinare il petto di pollo

La carne di pollo si presta molto bene a un’infinità di ricette e di modi diversi per consumarla. Il petto di pollo si può trovare fresco nel banco frigo del supermercato ma anche tra i surgelati. E’ sempre bene nel momento in cui acquistiamo un prodotto congelato dare un occhio all’etichetta e leggere i valori nutrizionali perché in questo caso il petto di pollo potrebbe contenere maggiori quantità di sodio. Se si compra pollo fresco è possibile congelarlo e consumarlo entro i nove mesi.

Il petto di pollo ha bisogno di una cottura interna perfetta per evitare problemi di sicurezza alimentare: il pollo crudo infatti può trasmettere batteri dannosi per il nostro organismo, se cuoci un pollo con le ossa la sua temperatura interna deve aggirarsi intorno agli 82 – 83° mentre se la fettina è disossata è sufficiente arrivare a 77°.

I modi più sani per preparare il petto di pollo prevedono la bollitura o la cottura alla piastra ma anche la preparazione in forno è abbastanza salutare. Certamente cucinare il pollo fritto con l’aggiunta di salse e oli farà salire i valori calorici e i grassi.

Tra le ricette più leggere, veloci e salutari c’è sicuramente quella del petto di pollo alla griglia con verdure e patate. La sua variante prevede anche quella di preparare un’insalata di pollo con verdure di stagione da conservare in frigo e consumare in pochi giorni. Un altro modo per mangiare il petto di pollo è quello di unirlo ad un’insalata di grano Korasan oppure preparare degli involtini con cicoria o ancora degli allegri spiedini con verdure per un pasto light e gustoso.

Non bisogna dimenticare che le calorie del petto di pollo, come quelle di altri alimenti considerati light, aumentano con il variare delle porzioni che assumiamo: se è vero che spesso scegliamo di non includere carboidrati nella nostra dieta è anche vero che tendiamo a mangiare più porzioni di carne bianca per saziarci e questo inevitabilmente accresce le calorie che assumiamo. Per mantenere il peso ideale se siamo sottoposti ad un trattamento dietetico è necessario utilizzare metodi intelligenti per controllare le porzioni di cibo che si assumono durante l’arco della giornata.