Le migliori ginocchiere per Crossfit

Ginocchiere

Le ginocchiere sono un accessorio di fondamentale importanza per praticare crossfit, una disciplina sportiva che sottopone le gambe (ma non solo) a un intenso allenamento. L’obiettivo deve quindi essere quello di proteggere in particolare questa nostra parte del corpo: le ginocchiere evitano infatti che tendini e articolazioni (in questo caso quella del ginocchio) si lesionino durante l’esecuzione degli esercizi. A questo scopo è molto importante scegliere ginocchiere di ottima qualità.

Scopriamo allora quali sono i fattori da dover tenere in considerazione per la scelta delle migliori ginocchiere per crossfit.

Crossfit, ginocchiere ed esercizi

Abbiamo già anticipato quanto sia importante, per il crossfit, acquistare delle apposite ginocchiere di qualità che, proteggendo l’articolazione del ginocchio, riducono al minimo la possibilità di farsi male durante un allenamento.

Ma per capire appieno questo concetto, occorre specificare in cosa consiste esattamente il crossfit. Questa disciplina sportiva comprende salti, arrampicate, corse, sollevamento pesi e tanto altro, nel complesso tutte attività che mettono a dura prova le nostre gambe e quindi le ginocchia.

Prendiamo come primo esempio il Powerlifting, un tipo di allenamento basato sull’esecuzione di esercizi di resistenza, e per questo motivo che si avrà bisogno di ginocchiere particolarmente rigide che siano in grado di sostenere il ginocchio in modo adeguato.

Non di rado, infatti, vi troverete a effettuare degli squat, soprattutto durante un sollevamento pesi, affaticando ulteriormente l’articolazione del ginocchio che ha dunque bisogno di essere ben supportata da una buona ginocchiera. Quest’ultima protegge senza tuttavia impedire il movimento dell’articolazione, quindi permette in tutto e per tutto il corretto svolgimento dell’esercizio.

Oltre a indossare la ginocchiera, è altrettanto importante effettuare un riscaldamento della zona prima di iniziare l’allenamento: questo eviterà l’insorgenza di stiramenti muscolari.

Un secondo esempio può essere quello del Weightlifting, per il quale servono invece ginocchiere più elastiche e morbide, capaci di avvolgere il ginocchio ma senza comprimerlo, seguendone il normale movimento. Per questo tipo di allenamento si svolgono esercizi come il sollevamento del bilanciere, che mette in moto praticamente tutti i muscoli. In questo caso dunque una ginocchiera troppo rigida potrebbe risultare un po’ limitante.

In sostanza, è possibile indossare una ginocchiera diversa in base all’esercizio che si intende svolgere, oppure optare direttamente per un tipo di ginocchiera specifica per il crossfit che comprenda le caratteristiche di tutte e due le tipologie, e che si adatti dunque a ogni allenamento senza dover essere cambiata.

Come scegliere le ginocchiere per crossfit

È il momento di capire come scegliere ginocchiere per il crossfit efficienti e di qualità.

Per farlo, dovete in primis basarvi sul tipo di esercizi per i quali vi occorre la ginocchiera, ma ecco anche le tre caratteristiche da valutare con molta attenzione.

La taglia

Per stabilire di che taglia è una determinata ginocchiera, dovete innanzitutto verificare quanto questa comprime il ginocchio, ed esaminarne la mole. La compressione sul ginocchio genera infatti calore stimolando la circolazione sanguigna e questo evita la comparsa di stiramenti, però non deve essere eccessivo, altrimenti si rischierebbe l’esatto contrario, portando anche a intorpidimenti della gamba e a escoriazioni cutanee. Se dunque vi state chiedendo qual è la taglia giusta per voi, valutate quanto la ginocchiera comprime il ginocchio: dovete avere l’impressione che questo sia ben sostenuto senza tuttavia risultare bloccato nei movimenti. La comodità è molto importante. Molte ginocchiere in commercio, probabilmente le migliori, mettono a disposizione dello sportivo una tabella che, attraverso il calcolo della circonferenza del ginocchio, permette di calcolare qual è la taglia più adatta al singolo individuo.

La resistenza

Una ginocchiera deve garantire a chi la indossa la miglior resistenza possibile, dunque una lunga durata, e questo dipende sia dai materiali impiegati per la costruzione sia dalla qualità delle cuciture e la loro posizione. Quest’ultima è importante per due motivi: 1) qualsiasi movimento del ginocchio non deve comportare sfregamenti, altrimenti si rischierebbe di consumare il filo. 2) una cucitura mal posizionata potrebbe causare irritazioni della pelle. Attenzione anche ai bordi, che devono essere rinforzati ed evitare che con l’usura i tessuti si dilatino.

Il materiale

Come già detto, la resistenza di un prodotto dipende in larga parte dai materiali di costruzione. Quali preferire, allora, per una ginocchiera di qualità? Per quelle più rigide il materiale di prima scelta è il neoprene, con uno spessore di circa 5 – 7 millimetri: pur essendo flessibile, garantisce grande stabilità durante lo svolgimento degli esercizi. Per quanto riguarda invece le ginocchiere più morbide, optate per quelle realizzate in cotone, nylon e spandex, tre tessuti leggeri che permettono all’articolazione del ginocchio di muoversi con maggior libertà.

Prezzi e migliori modelli di ginocchiere per crossfit

Sono tantissimi i modelli di ginocchiere per crossfit disponibili in commercio, ognuno con le proprie caratteristiche e con prezzi variabili in base al tipo di tessuto e alla qualità. Troviamo infatti modelli semplici a partire da 15 euro e altri che superano i 100 euro, di livello più avanzato.

Cercate di prediligere prodotti di alta qualità senza badare più di tanto al prezzo, perché per allenarsi in tutta sicurezza bisogna poter usufruire di prodotti totalmente affidabili. Tra le migliori ginocchiere per crossfit citiamo le Rehband, che spiccano per l’eccellente rapporto qualità-prezzo.